Beyond Capitalism: is a third way possible?

This article (Italian version) was originally published here: http://www.smartweek.it/la-pluralita-del-capitalismo-e-la-ricerca-di-una-terza-via/ Capitalism is not unique and absolute. This article aims to investigate its two different main versions and to take a look at a possible third way, notably with reference to risk-taking in boosting innovation-led growth. The literature traditionally focuses on two models of capitalism: on the one hand, the Anglo-Saxon model; on the other hand, the Rhenish Capitalism (also called social capitalism or social market economy). This dichotomy came out of a study by Michel Albert, Capitalism against Capitalism (1993), concerning the institutional and economic characteristics of capitalism in the United States and in anglo-saxon countries in general. This model nearly evokes an image of "a Bank that bows to the Stock Exchange" and “a manager who bows to the shareholder". In these countries, an in-depth division between owners (shareholders) and managers characterizes the structure of the enterprise. This can trigger that phenomenon known as the “agency problem. On the one hand, the role of shareholders is anonymous and they are only interested in cash flow that the company is able to generate (only interested in the renowned Net Present Value). On the other hand, managers deal with the actual management of enterprises; however, their goals can truly differ from the principal’s interests: professional success, prestige, maximizing their salaries, etc…. In a nutshell, the Rhenish Model is instead based on that media res between public and private that is the social market economy, as it is practiced in Germany and other northern European countries, with other peculiar variants, in Japan. As its core, banks, insurance firms, investment and pension funds, known as “institutional investors”, play a relevant role. Furthermore, there is a constant relationship between the company and public institutions, which helps to stabilize the complex balance among the different forces that are part of the company. The precious network of relations between the different social actors (stakeholder approach), affirms and simultaneously reinforces the idea that the company is not an ordinary good, and cannot therefore be negotiated like any other commodity. In this form of managerial-organizational capitalism there is a crucial leader: the "visible hand" that Chandler opposed to the market (1977). A recent book by Mazzei and Volpi (2010) compares the Asian economic model with the West. The authors focus on two key points. On the one hand, an epistemological point that implies the overcoming of a zero-sum game "State or/against Market" in favor of a win - win approach (positive-sum) which should lead to a radical change in our development model, from an essentially quantitative dimension to a more qualitative dimension. The authors refer to the two principles of oriental culture: ying and yang. These forces are not mutually exclusive. They are complementary. "So, there is the night, as there is a day, ... and - to paraphrase Adam Smith - the market exists because there is the state." On the other, the book aims to highlight (once again) that this crisis is not economic, but a systemic crisis. Maybe we are in a phase of epochal transformation of the international system: the end of the West's dominance, that urges us to go beyond, to rethink. Also Pope Francis has warmly criticized the “Market Priesthood” in his encyclical letter, Laudato Si. Global financial reforms are needed “to develop a new economy, more attentive to ethical principles, and new ways of regulating speculative practices and virtual wealth” (Laudato Si, page 49). As J. Stiglitz, Nobel laureate in Economics in 200, affirms, "we live in a process of globalization, but we have no global institutions able to deal with its consequences. We have a system of global governance, but we do not have a global government". The process of economic integration around the world brings about continuous questions and the ability of states to respond is faltering.. Scholars and economists are looking for a "third way" that emerges in medias res between statism and market automatism (“American style”). For years Stiglitz has been working through an approach – within the information economy and its relative information imperfections - which urges its intermediate solutions and tries to rewrite the rules of the market and finance (speculative). Finance ended in the dock over the past decade of financial crises. Crisis has provided us with some common lessons and traits: 1) capital markets are subject to repeated failures (solely in exceptional circumstances market is efficient), 2) also government intervention should be subject to failures. Our economic system needs both the market and the state, going beyond the old conflict laissez faire – socialism. As a result, the solution (but simultaneously a huge challenge) is to find the right combination (Stiglitz 2001). To this purpose, it is necessary to debunk old myths, to rethink economics, to go beyond the mainstream. In accordance with this instance of a rethinking process, there is a focus on the Entrepreneurial State by Mariana Mazzucato. She invokes a capitalism in which companies, State and employees work together to create wealth and wellbeing. They are all potential creators of wealth. The emblems of wealth in the modern knowledge economy, from the iPhone to the Tesla S, have all relied on a strategic public sector (risk-taker) that shoulders the burden of risks and uncertainties, working side by side with a private sector and willing to reinvest its profits in the "downstream" areas, such as research and development (R&D) or human capital training. If we surf the web, among data and researches, we will find that those regions and countries that have succeeded in achieving smart innovation-led growth have benefited from long-term visionary mission-oriented policies – from putting a man on the moon to tackling societal challenges such as climate change. In addressing these missions, public sector agencies have led the way, investing not only in the classic ‘public good’ areas, like basic research, but also along the entire innovation chain (basic research, applied research, early-stage funding of companies) and courageously defining new high-risk directions (e.g. the Internet, the “green revolution”, biotech, cleantech, fintech). Tomorrow’s growth – or long-term economic growth – is determined by today’s investments in R&D, infrastructure projects, human capital, technical change and innovation. Accordingly, innovation requires decisions on directionality and capabilities to understand and engage dynamically with future technological and market opportunities. Those decisions cannot be taken by only ingenious entrepreneurs, nor are they an exclusive public task. Mazzucato (2013) wants to stress the importance of a "Slow Finance" (she speaks also about a Finance mission-oriented) to boost the technological innovation, the pharmaceutical industry, the academic research. We ought to abandon a lot of myths, beliefs and conventions on the State and to rethink its role in creating new and dynamic engine of the economy. It is recommended a hug between a risk taker State and the private sector, in order to assume the risks together and enjoy together the benefits. References - Albert M. (2001) Capitalism against Capitalism. Ten years later, Il Mulino, n. 3/01 - Gowdy J. (2015) Why the Pope is Right to Criticize Free-market Ideology; available online at: http://evonomics.com/pope-understands-new-economic-paradigm-economists-dont/ - Mazzucato M. (2013) The Entrepreneurial State: debunking public vs. private sector myths (Anthem 2013) , Italian Edition - Laterza, pp. 46-52 - Mazzucato M., Penna C. (2015) MISSION-ORIENTED FINANCE FOR INNOVATION: New Ideas fot Investment-Led Growth, Policy Network, London; pp. 2-26 - Stiglitz J. (2001), “In an imperfect world”, Donzelli Editore, pp. 4-21 - Volpi, Mazzei (2010) Revenge of the visible hand. The Asian economic model and the West, Bocconi University Editor-Egea, Milan, 2010 Note: if you find some english mistakes, let me know in the comments

Lo Stato e i derivati finanziari

a cura di Federico G. Rega, Clara Elia, Roberta D'Errico, Miriam Ferraro, Cinzia Mottola e Marilena Iovinella I derivati sono strumenti finanziari complessi il cui valore deriva dall’andamento del valore di un’altra attività (sottostante). Questi possono assumere due funzioni: quella di copertura da uno specifico rischio di mercato (hedging), e quella meramente speculativa. I derivati che conclude lo Stato italiano sono (per la maggior parte, accanto a futures, currency swap e swaption) gli interest rate swap, ossia degli accordi fra due controparti relativi allo scambio di un flusso di interessi a tasso fisso con uno a tasso variabile. Lo Stato si rivolge ad una banca (es: Bank of America o Deutsche Bank AG) o ad un’istituzione finanziaria e firma un contratto nel quale la banca paga allo Stato tassi di interesse variabile che gravano sul debito pubblico, ed in cambio lo Stato versa un tasso di interesse fisso predeterminato. Lo Stato si dice in posizione corta sul fisso e lunga sul variabile, mentre la banca è in posizione corta sul variabile e lunga su fisso. Si tratta dunque di un gioco a somma zero, dove il guadagno di una controparte costituirà una perdita per la parte opposta e viceversa. Da tempo si dibatte sulla questione dei derivati posseduti dallo stato italiano e qualcuno li ha definiti una vera e propria “bomba ad orologeria”, qualcun altro ha parlato di "armi di distruzione di massa". Il MEF ne giustifica la stipula per finalità di “protezione da rischi finanziari”. Lo Stato, infatti, utilizza tali derivati per la gestione del debito pubblico, ma questi potrebbero provocare dei buchi di bilancio giganteschi in quanto si basano su una scommessa di fondo che potrebbe rilevarsi del tutto sbagliata. I derivati della Pubblica Amministrazione a fine 2014 ammontavano a 188 miliardi. Le tabelle sottostanti forniscono uno spaccato del fenomeno suddiviso per tipologia di derivato e poi per ente contraente: derivati [caption id="attachment_419" align="aligncenter" width="369"]tab2 Fonte: Mazziero, 2015[/caption] La maggior concentrazione è relativa allo Stato centrale e il cd. valore mark to market (valore di mercato in un determinato istante) ammontava a fine 2014 a un valore negativo di 42 miliardi , cifra record fra i Paesi UE, che andrebbero pagati alle "controparti". Queste ultime sono: Banca Imi S.p.A., Bank Of America, Barclays Bank PLC, BNP Paribas, Citibank N.A.-London, Credit Suisse International., Deutsche Bank AG, Dexia Crediop S.p.A., FMS Wertmanagement Anstalt Des, Goldman Sachs International, HSBC Bank PLC, ING Bank N.V., JP Morgan Securities PLC., Morgan Stanley and Co.Int.Plc, Nomura International PLC, Societe Generale, The Royal Bank of Scotland PLC, UBS Limited e Unicredit Bank AG. I 42 mld rappresentano il passivo che graverebbe sul debito se si procedesse a una ristrutturazione o a una chiusura dei derivati. Ad esempio, tra dicembre 2011 e gennaio 2012, su richiesta di risoluzione anticipata da parte di Morgan Stanley, il Governo Monti fu costretto a liquidare posizioni in derivati pagando 2,6 miliardi. Nel medio-lungo termine, il valore mark to market può diminuire qualora vi sia una ripresa e i tassi di interesse tornino a livelli più consoni. Non bisogna dimenticare che le cifre in gioco sono enormi e ne è discutibile la trasparenza da parte dello Stato, trasparenza che non c’è mai stata. Chiunque infatti abbia cercato di accedere ai contratti che regolano i derivati ha trovato porte blindate. Per questo motivo, alcuni parlamentari hanno fatto ricorso contro il Ministero delle Finanze e chiesto alla Commissione per l’accesso ai documenti amministrativi, di poter consultare i termsheet (gli allegati che definiscono i dettagli dei derivati). Pur non essendoci alcun divieto scritto, la Commissione vieta comunque l’accesso a tali informazioni poiché la divulgazione di tali contratti avrebbe riflessi pregiudizievoli sulle attività in derivati e determinerebbe uno svantaggio competitivo dello Stato nei riguardi del mercato. Per contrastare tale decisione, alcuni parlamentari, guidati da Ernesto Belisario, hanno formato un gruppo che spinge per l’approvazione del Freedom of Information act (Foia), provvedimento che permetterebbe a tutti i cittadini di accedere agli atti della pubblica amministrazione con i limiti della privacy e della sicurezza nazionale; ne è nata poi una petizione #openderivati rivolta al Ministro Padoan. In realtà, si è discusso anche sulla possibilità da parte dello Stato di poter concludere questi contratti finanziari. Con la Finanziaria del 2007, però, si è chiarito che lo Stato può sottoscrivere tali contratti, con il solo scopo di ridurre il costo finale del debito. Sono esclusi da questa possibilità le regioni ed enti locali, i quali possono concluderli solo ed esclusivamente per passività effettivamente dovute, anche se ci sono state alcune sentenze  (ad es. la Sentenza n 3459 del 18/092013) concernenti la possibilità, per gli enti locali, di acquistare derivati non solo per passività effettivamente dovute ma anche per altri scopi. A riguardo, la normativa di riferimento è la seguente: - L. FINANZIARIA 2007 “736. Operazioni di gestione del debito tramite utilizzo di derivati (ad opera di regioni ed enti locali) devono essere improntate alla riduzione del costo finale del debito (…) Gli enti possono concludere tali operazioni solo per passività effettivamente dovute, con riguardo al contenimento dei rischi di credito”; - Decreto Legge 25 giugno 2008 n. 112: divieto transitorio e contenimento di negoziazione di derivati relativo a regioni, province autonome, enti locali; - Regolamento UE n. 236/2012: per vendite allo scoperto e CDS (credit default swap). Lo scopo è: inibire, limitare, bandire i cd “naked CDS” dove non vi è un’effettiva esposizione verso l’emittente sovrano contro cui il rischio di default ci si vuole coprire.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI • Ministero dell’Economia e delle Finanze, I “derivati” nella gestione del debito pubblico, 3 marzo 2015 • Ministero dell’Economia e delle Finanze, Derivati enti locali al 31 dicembre 2014 • Mazziero M. “Debito più derivati: una bomba ad orologeria per l’Italia”, 1 marzo 2015, consultabile online al link: http://www.capiredavverolacrisi.com/debito-piu-derivati-una-bomba-ad-orologeria-per-litalia/

Il presente elaborato è frutto di un lavoro di gruppo, di ricerca e analisi, nell'ambito del corso di Diritto dei Mercati finanziari del prof. Camillo Patriarca, SUN. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Il X festival dell’economia: ripensare, andare oltre

di Federico Giovanni Rega   Siamo stati alla decima edizione del Festival dell'Economia, a Trento,  un festival che non esiste altrove, in nessuna altra parte del mondo, parafrasando alcuni relatori, come Akerlof e Federico Rampini. Economisti, politici, giornalisti, studenti, studentesse, giovani e meno giovani, in un contesto culturale pazzesco, dove si è respirato un vivo dibattito, non solo economico, ma, oserei dire, sull'uomo, sulla società che viviamo e che forse potremmo/dovremmo migliorare. Trento si è tinta per alcuni giorni di arancione, di colori e sinfonie; fra le strade della città svolazzava lo scoiattolo, simbolo del Festival, e il tema centrale è stato quella della mobilità sociale. Sul banco degli imputati, le disuguaglianze (statiche e dinamiche) e la finanza tossica. A partire dal Direttore del Festival, il prof. Tito Boeri, abbiamo avuto il piacere e l'onore di ascoltare alcune fra le più illustri figure del panorama accademico globale contemporaneo, nonchè attori teatrali e leader politici. Solo per citarne alcuni:  due premi Nobel per l’economia, gli americani Joseph Stiglitz e Paul Krugman, personaggi nel campo dell’economia e della sociologia come la figura molto discussa e controversa di Thomas Piketty – autore del best-seller “Il capitale nel XXI secolo” – Christoph Scherrer, Lucrezia Reichlin, Lorenzo Bini Smaghi e molti altri autori impegnati nello studio della disuguaglianza e della mobilità sociale. Non è mancato poi il contributo di importanti figure istituzionali – in primis quella del presidente del consiglio Matteo Renzi, in un faccia a faccia con il premier francese Manuel Valls – del ministro dell’economia Pier Carlo Padoan e del governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco. Proprio di quest'ultimo, sin dall'inaugurazione, è stato citato il suo ultimo libro "Investire in conoscenza", esigenza così sentita nel nostro Paese, che ha tanto bisogno di investimenti pazienti, a lungo termine. La domanda che si è posta Lucrezia Reichlin, docente London Business School, è "What we want in the long-run?". "Non prendiamo a modello la crescita americana" è stato un po' il monito generale, soprattutto da parte di Stiglitz, così critico verso quel modello denso di disuguaglianze spaventose. Nel dibattito generale, si è partiti da quel settembre 2008, da quel big bang finanziario: mutui subprime, derivati, CDS, shadow banking... il capitale finanziario come imputato, un capitale da casinò. La finanziarizzazione è più viva che mai! Quali i possibili rimedi? Si sono contrapposte due correnti: da un lato, Piketty, dall'altro, Scherrer. Il primo propone una tassa unica globale sulla ricchezza, il secondo si oppone, constatando l'esistenza di differenti contesti, forme di capitalismo, istituzioni. A Federico Rampini è toccato l'arduo ma affascinante compito di ricostruire 10 anni della storia dell'economia. Il suo è stato un intervento pazzesco, dove in un'oretta e poco più ha spaziato qui e lì, riassumendo non la storia dell'economia, ma la storia dell'uomo, dell'Occidente, della Cina, del pensiero. La bolla della new economy, la Cina, l'euro, il protocollo di Kyoto, la FED, il crollo del mercato immobiliare, Lehman Brothers, il Q.E. Passando poi per la morte di Jobs e quella Silicon valley, laboratorio di modernità senza eguali al mondo, dove vi è quasi un'esaltazione della trasgressione creativa, un collettore di opportunità dove inventare senza brevettare (open source). Ma poi vi sono luci e ombre - continua Rampini -  dei cd "padroni della rete", dell'età dell'accesso con la sharing economy, un'economia che diviene però "pseudo gratuita". Ed ecco il nostro caos, il caos dell'Occidente, nuovamente decadente. Con la paura del deficit e del caos della Germania, in un "ordoliberalismus", che ha radici  in quella democrazia di Weimar destabilizzata dall'iperinflazione. E poi due punti chiave: i due motori del rilancio dell'economia sono sempre stati l'innovazione e la demografia, ma la popolazione che non crescerà più e forse è rimasta solo la prima. La crisi non è stata una lezione, nè vi è una lettura unica. Non abbiamo capito. Un tempo si discuteva di "Fine della storia" - dal volume di Fukuyama -  di come oltre questo modello, quello occidentale liberaldemocratico, non si andasse. La globalizzazione viene ad essere l’esito unico e migliore della storia stessa. Ma è veramente così? Si sta aprendo una nuova fase, forse - conclude Rampini - si conclude l'era della scoperta, del dominio dell'uomo bianco e "il pendolo della storia sta tornando a 5 secoli fa, verso l'India e la Cina". Rampini, ma un po' tutto il Festival e numerosi studiosi e pensatori ci invitano ad andare oltre, a ripensare il modello occidentale di economia, di finanza, di vita, di uomo.

Expo 2015: un benchmark per l’Italia

http://www.hdtvone.tv/wp-content/uploads/2014/08/EXPO-2015.jpg di Luca Buffolano, Salvatore Pellegrino, Fabio MartinoNutrire il pianeta, energia per la vita ” questo è il messaggio dell’evento più atteso dell’anno, l’ EXPO Milano 2015. Una grande vetrina mediante la quale dare visibilità alle risorse, alle organizzazioni e alle competenze che formano e caratterizzano il nostro Paese. I pilastri tematici dei prossimi sei mesi d’esposizione saranno il cibo e l’alimentazione, oltre alla salvaguardia verso gli sprechi e le innovazioni di settore all’insegna di una grande sfida: sfamare 9 milioni di persone sul pianeta. Un evento che si appresta a raccogliere 148 Paesi per 154 padiglioni ad hoc nei quali questi si insedieranno per condividere la loro cultura ed i loro prodotti. Una grande sfida o più semplicemente un benchmark per mettere alla prova l’Italia nella gestione e nella organizzazione di uno degli eventi più chiacchierati degli ultimi tempi. L’obiettivo più caro al paese è di attrarre stakeholders, capitali ed interessi da tutti gli angoli del pianeta per creare nuove occasioni di business nel tentativo di rilanciare una volta per tutte l’economia nazionale in perenne deficit da svariati anni. Un evento di carattere mondiale comprendente un bacino di attrazione assai vasto, un numero indeterminato di visitatori e un'attenzione molto alta sollecitata da parte dei media per creare il massimo coinvolgimento possibile di tutti i potenziali partecipanti.   L’esposizione inoltre può essere esaminata in modo più analitico secondo varie metodologie;  secondo la classificazione per complessità e frequenza (Bonetti e Simoni, 2004) l’evento si collocherebbe nella categoria degli eventi occasionali di alta complessità poiché gode di una ripetibilità molto limitata e richiede un impegno assai vasto da parte di tutto il paese in termini economici, organizzativi e di risorse umane per realizzare un progetto così appunto complesso. In definitiva l’esposizione è icona di sinergie fra il pubblico ed il privato, fra i paesi in via di sviluppo e le potenze mondiali, fra chi produce e chi acquista. Proprio perché “un evento in genere rappresenta un processo di creazione di valore per gli individui di un territorio e non solo per gli agenti coinvolti” (Cercola, 2000). La location designata è Milano, che nel tempo si è affermata come un'importante realtà cosmopolita europea centro di culture, moda, tecnologie e varie forme di espressione artistica. Milano,   “smart city” che può contare su uno sviluppo tecnologico primo in tutta la penisola, si faccia riferimento ad esempio alla larga connettività mediante fibra ottica, alla diffusione di app per l’erogazione di servizi ai cittadini e lo sviluppo di aree eco-sostenibili dotate delle ultime tecnologie come l’area di recente costruzione nella quale sorge il nuovo quartier generale del gruppo Unicredit. Per cui dispone più che mai dei requisiti necessari per rappresentare l’Italia 2.0 più di qualunque altra metropoli. Tuttavia per garantire il migliore risultato possibile la città ha richiesto investimenti specifici per fornire infrastrutture adeguate e per arricchire la brand image Milanese. Quindi l’edificazione di grandi opere pubbliche per un importo di 19 miliardi di euro e uno stravolgimento di servizi e mezzi di comunicazione per poter fornire la migliore esperienza possibile ai visitatori e raggiungere gli standard delle città più evolute del panorama mondiale. Anche in questo caso il tentativo è stato quello di forgiare nuovamente una migliore immagine turistica, economica e sociale idonea a generare attrattività estera. Soprattutto per l’immagine turistica può rivelarsi molto utile creare agli occhi dei visitatori una “non price competition” ovvero associare a Milano, metropoli italiana e sede dell’evento, determinati significati simbolici a lungo termine per valorizzare, differenziare e rendere unica la città anche dopo i sei mesi d’esposizione. Nell’analisi dell’organizzazione dell’intera struttura che accoglie l’evento desume il grande impegno portato avanti per garantire la completa operatività dei padiglioni entro la data d’inaugurazione, inoltre si può evidenziare il grande contributo da parte del nostro paese come gesto di solidarietà per il completamento del padiglione della nazione del Nepal gravemente colpita da un disastro naturale di grande portata. Per cui L’Italia è uno dei paesi più impegnati fra i vari padiglioni presenti ed i riflettori sono puntati soprattutto sull'organizzazione delle varie regioni e fra queste occorre sottolineare il caso della regione Sicilia che nelle ultime settimane è stata considerata come una tra le regioni che potrebbe aspirare a diventare la protagonista del padiglione nazionale. Questa può essere un'occasione importante per innovare ed internazionalizzare non solo le risorse di queste terra ma anche l’immagine di un territorio oggetto di luoghi comuni, come mafia e corruzione, attraverso un ampio programma fatto di workshop su temi come la terra, l’acqua, il fuoco per valorizzare l’economia terrestre e del mare, le attività e i prodotti locali. I pilastri dell’esposizione sono vari e le aree tematiche di principale interesse ai fini dell’analisi sono l’agricoltura, il turismo e l’industria. La prima, l’agricoltura, oltre il trend del bio e il contatto con la natura cerca di acquisire nuovamente un ruolo importante all'interno degli attuali sistemi moderni. Va menzionato il caso della regione Toscana la quale rappresenta una delle principali realtà emblema del buon vivere tra agricoltura e ristorazione e  ne va riconosciuto l’impegno nel creare una filiera sempre più attenta ai prodotti e in stretto legame con gli imprenditori nel settore della ristorazione anche per contribuire allo sviluppo economico locale. D’altronde è molto presente l’espressione “ridare centralità all'agricoltura” proprio perché si vuole spingere a riconsiderare il ruolo del settore primario quale settore fondamentale per l’alimentazione di una comunità oltre al ripristino di una produzione più tradizionale a discapito di un settore come quello agroalimentare che oggi dimostra di essere sempre più industrializzato. Il turismo rappresenta una delle priorità per EXPO per garantire un buon rendimento dell’esposizione. Promuovere il territorio per rendere appetibile la Lombardia e tutto il territorio Italiano agli occhi dei turisti internazionali, attrarre non solo chi già visita saltuariamente il paese per piacere o per business ma nuovi visitatori. È utile considerare i risultati che emergono dal recente rapporto nato dalla collaborazione tra Tourism Club e Unicredit che fa notare una minore partecipazione generale rispetto alle aspettative; la principale preoccupazione è una dipendenza dai paesi occidentali come la Germania e una debole partecipazione Cinese nonostante la loro forte presenza sui mercati esteri per acquisti di vario genere tra i quali i prodotto agroalimentari. Questi risultati dimostrano in conclusione che la partecipazione prevista sarà data da una platea di persone interessata prevalentemente al mondo enogastronomico a differenza del turismo business o congressuale altrettanto importante ma assente secondo le statistiche. L’industria è un altro tassello importante di questo evento rappresentato sopratutto dalla categoria dell’agroalimentare come riportato in precedenza. Questo settore è una fetta importante del business dello stivale che può contare su un fatturato di circa 162 milioni di euro nell’ultimo anno costituito da 50.000 imprese e 420.000 impiegati operanti. Questi valori rappresentano ben l’80% di tutta l’industria Italiana fatta di grandi numeri nonostante la grave crisi Mondiale ed è linfa vitale per la nostra bilancia commerciale nel breve e nel lungo periodo. L’EXPO è un'occasione irripetibile per un paese come l’Italia di riconfermarsi quale maggiore esportatore dell'agroalimentare a dispetto di tanti altri grandi competitors come Stati Uniti, Svizzera, Regno Unito, Germania e Francia. Il cibo, grazie alle nostre risorse e tradizioni, può rappresentare l’equazione “Energy = food for industry” indicando il rapporto tra cibo, energia e industria nello spirito d’innovazione che avvolge tutta l’esposizione. Una grande vetrina sopratutto per questo settore con tutti i più grandi protagonisti dell'industria alimentare italiana da Parmalat a Citterio, da Balocco a Divella. La formazione è un'ulteriore parola chiave che si aggiunge a questo pilastro sopratutto per ciò che riguarda lo sviluppo di prodotti innovativi (ipsos qualivita) con focus e approfondimenti sulla qualità e sul green-food attraverso icone del settore e la presenza della stampa internazionale specializzata. Al di fuori delle varie aree tematiche ed iniziative anche il settore sociale risulta essere di vitale importante, infatti possono essere prese in considerazione alcune criticità che possono (e potrebbero ancora) compromettere l’ordinario equilibrio sociale previsto.  Oltre agli episodi avvenuti nei giorni scorsi e  altre varie ed eventuali debolezze, ci sono anche dei validi punti di forza del sociale come le varie iniziative per promuovere la coesione sociale e la riduzione di disparità culturali ed etniche sopratutto per le categorie più deboli. Infatti si è deciso fin da subito di provvedere alla donazione di circa 7.000 biglietti speciali destinati alle persone colpite da handicap per l’accesso all’esposizione. Non solo ma sono stati creati nuovi posti di lavoro per includere tutte le persone più disagiate in ruoli di coordinamento, varie attività di prevenzione per la salute e corsi di italiano per stranieri. Tutto ciò all’insegna di una corretta attività sociale che possa includere tutte le categorie meno abbienti e garantire il diritto a partecipare a questo grande evento. Si è provveduto anche all'installazione di una info line per coprire la richiesta di informazioni da parte degli utenti e partecipanti attraverso una continua sinergia con il territorio. L’impatto economico forse è uno dei temi più caldi e ricercati, sembra essere promettente e prevede sopratutto un incremento del valore aggiunto per l'economia italiana il cui contributo con Expo sembra essere significativo con più di 29 miliardi di euro in un'ottica a lungo termine garantendo un incremento di gettito fiscale di più di 11.5 miliardi di euro e di un tasso di occupazione con più di 61 mila posti di lavoro per la regione Lombardia. Vi è stato anche il contributo da parte di alcuni gruppi finanziari per garantire una maggiore partecipazione del tessuto economico imprenditoriale all'iniziativa nonostante le varie difficoltà che oggi vive la classe imprenditoriale media Italiana, è il caso di Banco di Napoli che ha deciso di accollarsi le spese necessarie per garantire ai suoi correntisti un posto all’interno dello stand Italiano per poter esporre i propri prodotti o presentare i servizi erogati. Bisogna anche parlare di sostenibilità ambientale e di quanto si sia lavorato per certificare tale obiettivo. Sono state fatte notare in alcune pubblicazioni recenti varie criticità legate a questo tema: una prima criticità è legata all'organizzazione dell'evento ovvero la mancata presenza di una sezione o un'area dedicata allo sviluppo di nuove tecnologie o strumenti per l’impatto ambientale nonostante il forte interesse da parte degli organizzatori di discutere del ambiente che ci circonda oltre ciò che mette a disposizione. Da non dimenticare l'aspra critica lanciata da Carlo Petrini (fondatore della nota associazione Slow Food), in merito al disastro ambientale causato dal cemento dei cantieri per l'edificazione dell'intera struttura e dei padiglioni che accoglieranno l'evento. Queste criticità sono un'importante occasione di feedback per poter comprendere anche le negatività e poter trovarne rimedio. Nonostante ciò, vi sono interessanti esempi di promozione ambientale dedicati all'agricoltura e all'alimentazione come ad esempio l’iniziativa promossa da Legambiente, Alce Nero e Ferrovie dello Stato denominato “Progetto Conversione” la quale prevede l'allestimento di un treno verde in Emilia Romagna per la tutela della natura. Ripensare all'agricoltura e alla cultura del bio come formidabili fattori di promozione dell'identità culturale e sociale di un territorio per la diffusione dell’agricoltura biologica di cui l'Emilia Romagna ed in particolar modo l'Italia sono importanti esportatori e rappresentanti. La società che organizza l'Expo del 2015 sta sviluppando un proprio inventario, per la contabilizzazione delle emissioni di gas ad effetto serra in coerenza con le più avanzate esperienze maturate da eventi simili a livello internazionale. CONCLUSIONI Si può pertanto affermare che l'Italia con questo evento, nonostante gli svariati dubbi circa la reale competenza e le risorse a disposizione per poter attuare questo progetto, ha risposto bene a questa prova riuscendo a promuovere un evento di così grandi dimensioni in modo efficiente ed efficace. Le varie aree tematiche scelte si stanno dimostrando attrattive ed oltretutto accattivanti. Tuttavia gli ostacoli sono stati molti, soprattutto legati agli eventi di natura legale e sociale riguardo l'esposizione, ma si è comunque riusciti a presentare il meglio che Expo, Milano, la regione Lombardia e l'Italia hanno da esibire al mondo. Il più grande sforzo è stato quello di creare una sinergia unica con tutti gli attori coinvolti pur di rendere l'Expo di Milano impeccabile, nelle speranze che ciò possa ripagare con un riavvio definitivo dell’economia nazionale esaudendo le aspettative della politica e della comunità. LINK E RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI 1. http://www.repubblica.it/economia/2015/04/19/news/turismo_italia_studio-112341764/ 2. http://www.confindustria.it/Aree/AltriDocumentiEXPO.nsf/B76A02BEC9A6C6BDC1257864005A0E49/$File/Impatto%20sull'Economia%20italiana.pdf 3. http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2015-04-27/quanto-vale-expo-2015-l-italia-80percento-mercato-agroalimentare--vai-mappa-economica-interattiva--071855.shtml?uuid=ABalSLWD 4. http://www.leggilanotizia.it/moduli/notizia.aspx?ID=8796 5. http://www.gamberorosso.it/news/item/1021945-tuttofood-a-milano-il-salone-dell-agroalimentare-in-sinergia-con-expo-2015-una-vetrina-per-il-made-in-italy 6. http://www.ansa.it/toscana/notizie/expo2015/2015/04/01/expoagricoltura-sociale-e-buon-vivere_1cb05aa4-e38e-43bd-8496-938e04beecdf.html

Il pensiero e i limiti del “laissez-faire”

di Giuseppe Cinotti   Il "laissez faire", letteralmente "lasciate fare", è un principio proprio del liberismo economico, risalente al diciottesimo secolo. Il cardine principale era il " non intervento " dello Stato nella vita sociale ed economica. Si basava sul presupposto che l'azione del singolo nella ricerca del proprio benessere, fosse sufficiente a garantire la prosperità economica della società. Il laissez faire trasse il proprio sostegno da diverse correnti di pensiero e fonti di sentimento. Keynes, a questo proposito, affermò che la popolarità della dottrina si deve più ai filosofi del tempo che agli economisti. Infatti, una delle prime e più importanti correnti di pensiero, i cui caratteri si ritrovano anche nel laissez-faire, è l'individualismo. Questo poneva al centro l'individuo, sottolineava il "valore morale dell'individuo". Gli individualisti promuovono l'esercizio del raggiungimento di obiettivi come l'indipendenza e l'autonomia, opponendosi al tempo stesso, con la più strenua resistenza, ad ogni intralcio esterno sugli interessi personali. Un autore che con i suoi studi ha dato dei contributi importanti a queste due correnti di pensiero è un utilitarista, Jeremy Bentham il quale affermava che non vi fosse alcun motivo razionale per preferire la felicità di un certo individuo a quella di qualsiasi altro. Quindi, la massima felicità del massimo numero di soggetti è l'unico scopo razionale di condotta. Ciò non è altro che il sunto fondamentale dell'odierna economia del benessere. Un'altra considerazione che andava ad avvalorare il concetto che non vi dovesse essere intervento statale nell'economia fu che il progresso materiale che si ebbe tra il 1750 e il 1850 (ovvero le due Rivoluzioni industriali) venne prettamente dall'iniziativa privata, non ebbe quasi nessun tipo di aiuto dalla società organizzata nel suo complesso. Naturalmente anche gli economisti diedero un loro contributo al laissez faire, questi insegnavano che la ricchezza , il commercio e le macchine erano figli della libera concorrenza. Cominciarono a presupporre che la distribuzione ideale delle risorse produttive si poteva ottenere agendo in maniera indipendente. Gli individui che si sarebbero mossi nella giusta direzione avrebbero distrutto, per mezzo della concorrenza, coloro che si muovevano nella direzione sbagliata. Era una visione di vedere le cose che premiava coloro che erano bravi ed efficienti, ma non dava alcuna garanzia a coloro che andavano nella direzione errata, investendo i loro capitali. Probabilmente proprio quest'ultimo punto può essere un difetto di questa visione degli economisti, visione che non stava a guardare i costi che creava la libera concorrenza, ma soltanto i vantaggi del risultato finale che ne derivano, i quali si supponeva fossero permanenti. Ma, il non tenere conto dei costi creati dalla lotta fu un errore, in quanto questi danneggiavano, in parte, il sistema. Inoltre, un altro limite della visione, era anche il supporre condizioni in cui una selezione naturale illimitata porta al progresso, limite però che era una delle due colonne portanti del laissez faire. L'altra colonna era l'efficacia! Ovvero la possibilità per gli individui di raggiungere un guadagno sempre maggiore esercitando il massimo sforzo, che secondo i principi del laissez faire andava a vantaggio oltre che dell'individuo anche della società. Tutte queste considerazioni sono state ampliamente criticate nel corso degli anni, dagli stessi economisti, tra i più illustri alla critica vi fu anche Keynes. Infatti, ci si rese conto che la massimizzazione della propria utilità da parte di ogni singolo individuo dipendeva da considerazioni non realistiche, ad esempio che: i processi di produzione e consumo non fossero connessi, v'erano "problemi" come il monopolio, che ad esempio interferiva sul principio di eguaglianza. La conclusione che si può trarre è che : se ci si dimentica di coloro che hanno preso la direzione sbagliata, di cui prima scrivevo, la corrente di pensiero del laissez faire comincia a non funzionare più, in quanto si interfaccerebbe soltanto ad un gruppo di soggetti e non all'intera comunità che non aveva le risorse e l'intelligenza per poter intraprendere inziative economiche. Non bisognava quindi dimenticare delle sofferenze di quelle persone che non riuscivano ad integrarsi nel sistema, poichè non ne avevano la possibilità e/o le capacità. Possiamo comunque affermare che alcuni capisaldi del laissez faire si ritrovano anche nel capitalismo, con una differenza sostanziale che è quella dell'intervento dello Stato nella vita economica, sotto forma di norme di regolamentazione e interventi assistenziali, atti a cercare di ridurre quelli che erano i limiti della corrente di pensiero che tanto ha influenzato parte degli anni del 1700 e del 1800.   NOTE BIBLIOGRAFICHE: Keynes, J. M. (1926) La fine del laissez–faire, saggio pubblicato dalla Hogarth Press nel Luglio del 1926, basato sulla Sidney Ball Lecture fatta da Keynes ad Oxford nel novembre del 1924 e su una conferenza all'Università di Berlino nel Giugno del 1926 – consultabile online a: http://www.criticamente.com/economia/economia_politica/Keynes_John_Maynard_-_La_fine_del_laissez-faire.htm

Crowd… what?

di Lucia Michela Daniele   Il termine crowdfunding, che letteralmente indica il finanziamento (funding) dalla folla (crowd) è relativamente nuovo. Fu Micheal Sullivan, nel 2006, a coniarlo in relazione al lancio di Fundavlog, un tentativo fallito di creare un incubatore per progetti ed eventi legati al mondo dei videoblog, che includeva una semplice funzionalità per effettuare donazioni on line.   crowd Il ruolo crescente ed esponenziale del crowdfunding nelle economie mondiali ha catalizzato l’attenzione della letteratura sul fenomeno, nonostante ciò ad oggi non è ancora riscontrabile una definizione univoca, semmai potesse esservi. Diversi autori hanno tentato di condensare in poche proposizioni il complesso fenomeno del crowdfunding, essendo lo stesso in continua evoluzione la letteratura sull’argomento non è vasta. Di contro è però possibile individuare diversi interventi, ognuno dei quali enfatizza un aspetto diverso del processo di raccolta fondi dal basso. Sigar (2012) descrive il Crowdfunding come un metodo innovativo per gli imprenditori di raccogliere fondi grazie allo sviluppo del Web 2.0., Lynn & Sabbagh (2012) individuano nel successo della raccolta fondi la capacità del soggetto promotore di rivolgersi a gruppi di persone che, condividendo medesimi interessi, sono potenzialmente disposte a donare piccoli contributi per lo sviluppo di progetti imprenditoriali. Ramsey (2012) identifica il Crowdfunding come processo interattivo tra promotori e potenziali supporters, Bechter, Jentzsch & Frey (2011) lo definiscono un approccio, altri autori invece lo associano ad una tecnica di fundraising attuata on line. Ognuna di queste definizioni è in grado di cogliere un aspetto del crowdfunding, in relazione alle diverse parti coinvolte nel processo stesso, e potrebbe contribuire fattivamente a disegnare i confini del fenomeno. Secondo il Framework for European Crowdfunding, “Il crowdfunding può essere definito come lo sforzo collettivo di molti individui che creano una rete e uniscono le proprie risorse per sostenere i progetti avviati da altre persone o organizzazioni, solitamente attraverso o comunque con l’aiuto di Internet. I singoli progetti o le imprese sono finanziati con piccoli contributi da un gran numero di individui, permettendo ad innovatori, imprenditori e titolari di aziende di utilizzare le loro reti sociali per raccogliere capitali” . La definizione citata, ad avviso di chi scrive, appare quella maggiormente indicata a cogliere nell’immediato la rivoluzione che questo nuovo strumento di raccolta fondi ha apportato nelle economie mondiali. Il crowdfunding non è esclusivamente una raccolta fondi, sottende forti implicazioni sociali e antropologiche che si sviluppano on-line, trova esplicazioni in una serie di processi che potrebbero innovare il modo stesso in cui classicamente intendiamo la relazione tra ideazioni, produzione e consumo. La nozione del Framework evidenzia chiaramente i tre concetti chiave su cui si fonda la pratica del crowdfunding: • La folla (who?) • Il funding (what?) • Internet (where?) La folla (crowd) è l’anima del processo di crowdfunding. Essa rappresenta un’aggregazione spontanea di individui, normalmente su piattaforme on-line dedicate, che si identifica in un’iniziativa o in un progetto, o semplicemente ne sposa la filosofia, decidendo di contribuire alla realizzazione dello stesso con uno sforzo monetario. La centralità della folla è un attributo che il crowdfunding eredita dalla pratica del crowdsourcing. Citando Kleeman “Crowdsourcing takes place when a profit oriented firm outsources specific tasks essential for the making or sale of its product to the general public (the crowd) in the form of an open call over the internet, with the intention of animating individuals to make a contribution to the firm's production process for free or for significantly less than that contribution is worth to the firm”. Il crowdsourcing è, dunque, una sorta di modello di business grazie al quale un’impresa affida le fasi di creazione di un prodotto o di un servizio, dalla sua progettazione alla sua realizzazione, ad un insieme di individui (la folla), tramite una open-call, alla quale chiunque può rispondere apportando il valore delle proprie competenze tecniche e commerciali. Rispetto alla tradizionale forma di outsourcing di attività aziendali, il crowdsourcing, non solo consente un elevato risparmio di costi, ma genera un beneficio significativo in termini di capitale sociale ed innovativo a cui l’impresa può attingere per lo sviluppo dei propri progetti. Linux è uno dei più famosi esempi di crowdsourcing: lo sviluppo di un sistema operativo open-source interamente progettato e reso liberamente accessibile da appassionati e specialisti del settore, ad oggi effettivi utilizzatori. Il principio su cui si basano le pratiche del crowdsourcing e crowdfunding è dunque lo stesso, ciò che diverge è la finalità. Mentre nel primo il coinvolgimento di un elevato numero di individui è finalizzato a generare una comunità che scambia, in relazione ad un progetto, spunti commerciali e progettuali, nel secondo la folla diviene centrale per l’apporto monetario di risorse utili al lancio di un progetto che ha già, presumibilmente, superato la fase progettuale. Lambert & Schwienbacher , basandosi sulla definizione di Kleemann di crowdsourcing, citano “crowdfunding involves an open call, essentially through the Internet, for the provision of financial resources either in form of donation or in exchange for some form of reward and/or voting rights in order to support initiatives for specific purposes”. Il supporto allo sviluppo dell’iniziativa ricercato nel crowdfunding si risolve, di fatto, nell’apporto di danaro. Tale considerazione introduce il secondo concetto chiave, ossia l’attività di funding, che a sua volta viene ricondotta al fenomeno della microfinanza. Il termine “microfinanza” è diventato d’uso comune agli inizi degli anni’90, come evoluzione del concetto del microcredito , includendo sia l’aspetto di somministrazione di prodotti assicurativi che quello della raccolta del risparmio a favore di persone con basso profilo socio/economico, normalmente escluse a vario titolo dai circuiti tradizionali del credito, per la creazione e lo sviluppo d’attività produttive e commerciali. Le istituzioni di microfinanza si pongono come obiettivo principale la riduzione della povertà, promuovendo lo sviluppo umano ed economico del luogo in cui operano. L’idea di base è che, attraverso il credito agevolato, il povero possa sviluppare una micro attività che gli permetta di incrementare le proprie entrate e migliorare la propria condizione economica e sociale. Il crowdfunding eredita dal concetto di microfinanza la forza dell’agire comunitario, ogni sforzo individuale che si sostanzia in tanti piccoli contributi, anche di entità modesta, realizzano un accumulo di ricchezza tale da far decollare progetti che altrimenti sarebbero rimasti tali. Il collante di questi due fattori chiave, la forza della folla e l’attività di funding, è stato lo sviluppo del Web 2.0., l’ascesa del crowdfunding negli ultimi dieci anni deriva proprio dal proliferare e dall’affermarsi di applicazioni web, sistemi che consentono a pionieri e creativi di dialogare con la “crowd” per ottenere idee, raccogliere fondi e sollecitare l’attenzione su prodotti e servizi in via di sviluppo . Applicazioni interattive, piattaforme di condivisione dei media, social media sono gli habitat naturali della folla, i luoghi virtuali dove i processi di aggregazione di idee e di fondi si realizzano in tempo reale, permettendo un scambio diretto ed immediato di contenuti ed informazioni relativo a progetti, attività commerciali, eventi sociali e culturali. NOTE BIBLIOGRAFICHE: A FRAMEWORK FOR EUROPEAN CROWDFUNDING | K. De Buysere, O. Gajda, R. Kleverlaan, D. Marom | 2012 “Crowdfunding can be defined as a collective effort of many individuals who network and pool their resources to support efforts initiated by other people or organizations. This is usually done via or with the help of the Internet. Individual projects and businesses are financed with small contributions from a large number of individuals, allowing innovators, entrepreneurs and business owners to use their social networks to raise capital”. KLEEMANN, F., VOß, G., RIEDER, K.. “Un(der)paid Innovators: The Commercial Utiliza-tion of Consumer Work through Crowdsourcing”. Science, Technology & Innovation Studies, North America, 4, Jul. 2008 Lambert T., Schwienbacher A. (2010). An Empirical Analysis of Crowdfunding. Louvain School of Management, Working Paper Series. Sulla nozione di microcredito e sulle sue origini: Cfr. M. Yunus, Un mondo senza povertà, Milano, Universale Economica Feltrinelli, 2010.  

Due chiacchiere con… Startup Italia Jobs

Inauguriamo questa raccolta di incontri, chiacchierate e scoperte, per raccontare il mondo startup, l'ecosistema italiano, l'innovazione e l'opportunità che spesso ci sfuggono, troppo distratti e presi dalle nostre routine. Oggi chiacchieriamo con Giuseppe Colucci, co-founder Startup Italia jobs, il marketplace per offrire e trovare lavoro in ambito startup e innovazione in Italia, un vero zibaldone  di annunci e occasioni professionali.

Sono circa 20mila gli impieghi creati dalle nuove imprese innovative. Startup Italia jobs è  un portale specifico creato da due giovani italiani che vivono a Berlino per connettere domanda e offerta nell'ecosistema!

Seguendo il tuo modello d'intervista sul blog di Startup Italia Jobs, ti chiedo di descriverti in 140 caratteri.
Mi piacciono le contraddizioni. Sono innovatore e tradizionalista, viaggiatore e sedentario, mi interessa la tecnologia e leggo molti libri.
So che vivi a Berlino ora, com'è lì l'innovazione? E' un modello replicabile o immaginabile anche in Italia?
La scena start up a Berlino è di certo più matura di quella italiana ma meno matura di altre realtà. In Europa è un modello da seguire per tutti perchè, approfittando di alcune caratteristiche strutturali (prezzi bassi, grande cnsiderazione per l'industria creativa, manodopera internazionale mediamente istruita) ha creato un hub con grande potenziale. Certamente il modello è replicabile anche in Italia, dove però il mercato è molto più acerbo.
Dilemma (ormai) diffuso: rimanere e provare a cambiare, a innovare, o partire, provare a farlo all'estero! Cosa consiglieresti ai giovani italiani?
Non consiglierei di fuggire. Di fare esperienze all'estero sì, tutta la vita. Non sono solo utili ma necessarie, imprescindibili per capire in che contesto viviamo. Quanto, guardando un po' al di là, ci rendiamo conto di vivere in un mondo dove i confini sono sempre più liquidi. Però è bello, è romantico, e soprattutto è utile per il nostro paese, far qualcosa per cercar di cambiarne alcune caratteristiche dall'interno. 
Com'è nato Startup Italia Jobs?
          E' nato da un bisogno che io e il mio business partner Marco Melluso abbiamo riscontrato, e cioè la mancanza di una piattaforma simile in Italia, mentre in altri paesi, Germania in primis, proliferavano. Quindi è stato un passaggio abbastanza naturale. 
Qual è la vostra mission?
Aiutare l'ecosistema startup, che è estremamente frammentato, ad amalgamarsi, partendo dal mondo del lavoro. Cerchiamo di mettere in comunicazione domanda e offerta che, magari, trovandosi ai poli opposti del paese, non si conoscerebbero altrimenti. E poi siamo un'azienda, quindi nel medio periodo puntiamo anche a monetizzare il nostro servizio, fermo restando che la registrazione di professionisti e offerte di lavoro resterà sempre gratuita.
Stando alle registrazioni sul portale, i giovani italiani hanno compreso l'utilità di Startup Italia Jobs?
Mi auguro di sì, altrimenti vorrebbe dire che è stata una bella esperienza ma non ha portato il cambiamento che volevamo. Io penso che, comunque, le startup in generale siano un'ottima opportunità per fare esperienza nel mondo del lavoro cercando di dare una mentalità più imprenditoriale ai giovani neo-laureati. A patto, però, che le startup non diventino semplicemente dei luoghi in cui i giovani vengano spremuti, con meno benefit, salari più bassi e maggiore instabilità, in cambio di un fantomatico sogno di far parte della crescita della nuova "big thing", del nuovo Airbnb, Uber e così via. 
In una startup, a tuo parere, quale fattore conta di più: team, idea o esecuzione?
Tutti e tre. Il team è importantissimo e molti investitori decidono di investire perchè si fidano del team. Fano un discorso del tipo: questi ragazzi sarebbero capaci di sviluppare un business a partire da qualsiasi idea. Però, al di là di un'ottima idea, i fondatori devono per forza di cose avere una mentalità imprenditoriale ed essere capaci di capire il proprio mercato, altrimenti a un certo punto si fermano e non fanno esplodere il potenziale della loro idea.
Caro Giuseppe, ti ringrazio per aver dedicato parte del tuo tempo a queste nostre domande.
 

Cos'è SUNeconomist? SUNeconomist sei tu, siamo noi, siete voi.
SUNeconomist si propone come canale informativo, come community, di condivisione e supporto universitario. Il tutto per gli studenti di Economia della Seconda Università di Napoli (ma non solo), da parte di semplici studenti, noi, come voi.  Il nome riporta l'ateneo di appartenenza, con un richiamo specifico alla nostra Facoltà, in quel di Capua (CE). Ma non è un limite di confine, in quanto la pagina Facebook, attiva da mesi, ha il supporto di decine e decine di studenti di Economia da tutta Italia, da centri di eccellenza e università prestigiose, da Venezia a Roma, da Cagliari a Milano, passando per Firenze e Torino. Ma, se vogliamo un po' filosofare, il nome richiama anche al Sole, che voglio associare alla luce, alla positività, all'energia. SUNeconomist vuol essere un occhio sull'imprenditorialità innovativa, una finestra, un osservatorio, un laboratorio. Vuol divenire un info-point per gli studenti che vogliano saperne qualcosa in più, che vogliano scoprire opportunità imprenditoriali e novità sul territorio e non. Non vuole assolutamente sostituirsi all'Università, ai canali ufficiali attraverso il quale possiamo apprendere e posizionarci nel mondo del lavoro, penso  al placement di ateneo, ai dottorati di ricerca, ai programmi di Lauree magistrali e Master. Ma vuole essere, anzi, un dolce compagno, accanto a voi, nell'Università.  MISSION
SUNeconomist si pone l'obiettivo di informare gli studenti su tutte le opportunità che il territorio offre, a livello nazionale e internazionale, spaziando da convegni ed eventi ad annunci di stage e bandi vari.
I temi che principalmente vengono promossi e supportati sono: _l'ecosistema startup territoriale, dando sempre uno sguardo globale anche a ciò che avviene al di fuori della Campania, in Italia, nonché all'Europa. _Confederazione internazionale Junior Enterprises e progetti con aziende ed enti _ Cultura dell'Imprenditorialità innovativa, proazione, autoimprenditorialità, management, leadership, entrepreneurs' lessons, digital business models ...e molto altro! Il fine di SUNeconomist è assolutamente apolitico e apartitico. SUNeconomist non è collegato/associato a nessuna lista e/o propaganda elettorale all'interno della Facoltà, ma mira a costituire utile strumento per tutti gli studenti che ne vorranno usufruire. SOCIAL AMBASSADOR SUNeconomist si propone inoltre come social ambassador (attraverso la pagina Facebook, il profilo Twitter, e/o partecipando agli eventi e giornate formative ecc.) di progetti, enti, incubatori, startup, organizzazioni, magazine e blog inerenti ai key-points sopra elencati: suneconomist supporta

 

Vuoi essere tu il prossimo? Ti occupi di startup e imprenditorialità giovanile? Se la risposta a queste domande è sì, non esitare a contattarci.

 

Federico G. Rega