Beyond Capitalism: is a third way possible?

This article (Italian version) was originally published here: http://www.smartweek.it/la-pluralita-del-capitalismo-e-la-ricerca-di-una-terza-via/ Capitalism is not unique and absolute. This article aims to investigate its two different main versions and to take a look at a possible third way, notably with reference to risk-taking in boosting innovation-led growth. The literature traditionally focuses on two models of capitalism: on the one hand, the Anglo-Saxon model; on the other hand, the Rhenish Capitalism (also called social capitalism or social market economy). This dichotomy came out of a study by Michel Albert, Capitalism against Capitalism (1993), concerning the institutional and economic characteristics of capitalism in the United States and in anglo-saxon countries in general. This model nearly evokes an image of "a Bank that bows to the Stock Exchange" and “a manager who bows to the shareholder". In these countries, an in-depth division between owners (shareholders) and managers characterizes the structure of the enterprise. This can trigger that phenomenon known as the “agency problem. On the one hand, the role of shareholders is anonymous and they are only interested in cash flow that the company is able to generate (only interested in the renowned Net Present Value). On the other hand, managers deal with the actual management of enterprises; however, their goals can truly differ from the principal’s interests: professional success, prestige, maximizing their salaries, etc…. In a nutshell, the Rhenish Model is instead based on that media res between public and private that is the social market economy, as it is practiced in Germany and other northern European countries, with other peculiar variants, in Japan. As its core, banks, insurance firms, investment and pension funds, known as “institutional investors”, play a relevant role. Furthermore, there is a constant relationship between the company and public institutions, which helps to stabilize the complex balance among the different forces that are part of the company. The precious network of relations between the different social actors (stakeholder approach), affirms and simultaneously reinforces the idea that the company is not an ordinary good, and cannot therefore be negotiated like any other commodity. In this form of managerial-organizational capitalism there is a crucial leader: the "visible hand" that Chandler opposed to the market (1977). A recent book by Mazzei and Volpi (2010) compares the Asian economic model with the West. The authors focus on two key points. On the one hand, an epistemological point that implies the overcoming of a zero-sum game "State or/against Market" in favor of a win - win approach (positive-sum) which should lead to a radical change in our development model, from an essentially quantitative dimension to a more qualitative dimension. The authors refer to the two principles of oriental culture: ying and yang. These forces are not mutually exclusive. They are complementary. "So, there is the night, as there is a day, ... and - to paraphrase Adam Smith - the market exists because there is the state." On the other, the book aims to highlight (once again) that this crisis is not economic, but a systemic crisis. Maybe we are in a phase of epochal transformation of the international system: the end of the West's dominance, that urges us to go beyond, to rethink. Also Pope Francis has warmly criticized the “Market Priesthood” in his encyclical letter, Laudato Si. Global financial reforms are needed “to develop a new economy, more attentive to ethical principles, and new ways of regulating speculative practices and virtual wealth” (Laudato Si, page 49). As J. Stiglitz, Nobel laureate in Economics in 200, affirms, "we live in a process of globalization, but we have no global institutions able to deal with its consequences. We have a system of global governance, but we do not have a global government". The process of economic integration around the world brings about continuous questions and the ability of states to respond is faltering.. Scholars and economists are looking for a "third way" that emerges in medias res between statism and market automatism (“American style”). For years Stiglitz has been working through an approach – within the information economy and its relative information imperfections - which urges its intermediate solutions and tries to rewrite the rules of the market and finance (speculative). Finance ended in the dock over the past decade of financial crises. Crisis has provided us with some common lessons and traits: 1) capital markets are subject to repeated failures (solely in exceptional circumstances market is efficient), 2) also government intervention should be subject to failures. Our economic system needs both the market and the state, going beyond the old conflict laissez faire – socialism. As a result, the solution (but simultaneously a huge challenge) is to find the right combination (Stiglitz 2001). To this purpose, it is necessary to debunk old myths, to rethink economics, to go beyond the mainstream. In accordance with this instance of a rethinking process, there is a focus on the Entrepreneurial State by Mariana Mazzucato. She invokes a capitalism in which companies, State and employees work together to create wealth and wellbeing. They are all potential creators of wealth. The emblems of wealth in the modern knowledge economy, from the iPhone to the Tesla S, have all relied on a strategic public sector (risk-taker) that shoulders the burden of risks and uncertainties, working side by side with a private sector and willing to reinvest its profits in the "downstream" areas, such as research and development (R&D) or human capital training. If we surf the web, among data and researches, we will find that those regions and countries that have succeeded in achieving smart innovation-led growth have benefited from long-term visionary mission-oriented policies – from putting a man on the moon to tackling societal challenges such as climate change. In addressing these missions, public sector agencies have led the way, investing not only in the classic ‘public good’ areas, like basic research, but also along the entire innovation chain (basic research, applied research, early-stage funding of companies) and courageously defining new high-risk directions (e.g. the Internet, the “green revolution”, biotech, cleantech, fintech). Tomorrow’s growth – or long-term economic growth – is determined by today’s investments in R&D, infrastructure projects, human capital, technical change and innovation. Accordingly, innovation requires decisions on directionality and capabilities to understand and engage dynamically with future technological and market opportunities. Those decisions cannot be taken by only ingenious entrepreneurs, nor are they an exclusive public task. Mazzucato (2013) wants to stress the importance of a "Slow Finance" (she speaks also about a Finance mission-oriented) to boost the technological innovation, the pharmaceutical industry, the academic research. We ought to abandon a lot of myths, beliefs and conventions on the State and to rethink its role in creating new and dynamic engine of the economy. It is recommended a hug between a risk taker State and the private sector, in order to assume the risks together and enjoy together the benefits. References - Albert M. (2001) Capitalism against Capitalism. Ten years later, Il Mulino, n. 3/01 - Gowdy J. (2015) Why the Pope is Right to Criticize Free-market Ideology; available online at: http://evonomics.com/pope-understands-new-economic-paradigm-economists-dont/ - Mazzucato M. (2013) The Entrepreneurial State: debunking public vs. private sector myths (Anthem 2013) , Italian Edition - Laterza, pp. 46-52 - Mazzucato M., Penna C. (2015) MISSION-ORIENTED FINANCE FOR INNOVATION: New Ideas fot Investment-Led Growth, Policy Network, London; pp. 2-26 - Stiglitz J. (2001), “In an imperfect world”, Donzelli Editore, pp. 4-21 - Volpi, Mazzei (2010) Revenge of the visible hand. The Asian economic model and the West, Bocconi University Editor-Egea, Milan, 2010 Note: if you find some english mistakes, let me know in the comments

La crescita economica, questa sconosciuta

di Federico Giovanni Rega
    L’economia italiana si era “miracolosamente” sviluppata a ritmi brillanti dal dopoguerra ai primi anni Settanta. Da allora ha prevalso una tendenza al rallentamento. Essa è colta da tutti gli indicatori: reddito (assoluto e pro capite, effettivo e potenziale), consumi, produttività, esportazioni (...) Dal primo trimestre del 2001 al terzo del 2003 l’espansione dell’attività produttiva è stata pressoché nulla: la più lunga fase di ristagno in mezzo secolo. La questione economica della società italiana torna a proporsi in tutta la sua gravità, in tutto il suo spessore, come un problema di crescita. Pierluigi Ciocca (1)
  La crescita e lo sviluppo economico Dai magazine e quotidiani economici (e non) all'edizione serale del tg, si parla spesso di crescita economica, ma di cosa parliamo? La crescita del sistema economico è un fenomeno ed obiettivo di medio – lungo periodo di politica economica che consiste nel favorire l'incremento del potenziale produttivo (misurata come aumento del Pil reale o del Pil reale pro-capite) e l'aumento generalizzato del livello di variabili macroeconomiche quali ricchezzaconsu-miproduzione di merci, erogazione di servizi,occupazionecapitalericerca scientifica e innovazione tecnologica, contrapponendosi invece a situazioni opposte di stasi e crisi economica quali stagnazione (nulle o modeste variazioni del prodotto interno lordo) e recessione (livelli di attività produttiva, ossia PIL, più bassi). Può essere favorita da politiche economiche di sostegno ad esempio attraverso forme di incentivi o sgravi fiscali ad aziende e consumatori, incremento della spesa pubblica, finanziamento della ricerca. [caption id="attachment_310" align="alignleft" width="760"]760px-World_GDP_Capita_1-2003_A.D Data Source: Angus Maddison's "World Population, GDP and Per Capita GDP, 1-2003 AD[/caption]   [caption id="attachment_311" align="alignleft" width="960"]crescita per 2030 World GDP Growth by 2030 Source: A. Lepore, "Globalizzazione: storia, questioni e prospettive"[/caption] La crescita del prodotto nazionale non va confusa con il concetto di  sviluppo. I due concetti sono abbastanza simili, ma contengono differenze rilevanti. Il primo è prettamente quantitativo, mentre il secondo comprende anche elementi qualitativi. Per sviluppo economico intendiamo riferirci ai fenomeni economici, sociali e culturali che si accompagnano alla crescita del reddito pro-capite e per misurarlo occorre fare riferimento, oltre al reddito pro-capite, ad indicatori quali la distribuzione del reddito, l’istruzione, il tasso di alfabetizzazione, ecc. La crescita economica è dunque un elemento dello sviluppo economico. Teoria della crescita, da Solow alla New Growth Theory  Dalla notte dei tempi, da Adam Smith in poi insomma, gli economisti si sono sempre occupati della crescita delle nazioni, ma è solo negli anni Cinquanta che Abramovitz e Solow (1956) (2) dimostrarono che il 90% della crescita economica non era spiegabile attraverso le misure convenzionali di capitale e lavoro. La parte residua doveva riflettere la crescita della produttività, più che la quantità dei fattori produttivi. Il dibattito sulla crescita è ancora vivo tra gli economisti e si riflette sulla scena politica (3). Gli economisti, come spesso hanno fatto, fanno e (chissà se le recenti stangate e previsioni errate faranno riflettere) faranno, hanno cercato di collocare la crescita in un modello. La "teoria della crescita" fruttò il premio Nobel all'economista statunitense Robert Solow, nel 1987, "for his contributions to the theory of economic growth". Nel modello, la crescita è espressa mediante una funzione di produzione, dove il prodotto (Y) è funzione della quantità di capitale (K) e lavoro umano (L), a parità di altri fattori come il progresso tecnico: Y = F (K, L) Incrementi di K ed L provocherebbero incrementi lungo la curva, mentre cambiamenti esogeni (non spiegati) nel progresso tecnico causerebbero spostamenti della curva verso l'alto. Solow scoprì che il 90% della variazione della produzione non era spiegato dal capitale e dal lavoro, così definì la parte restante progresso tecnico. Il modello di fondo risultava, pertanto, deficitario e in molti sostenevano di elaborarne altri (come Joan Robinson 1954). (4) Ma ci si limitò ad aggiungere l'anello mancante del progresso tecnico come variabile esogena. La teoria divenne nota come teoria della crescita esogena: Y= A (t) F (K, L) Ma a poco a poco, cresceva la consapevolezza dell'importanza della tecnologia nella crescita economica, si studiava per inserire questo fattore nei modelli. (5) Ergo, nacque la teoria endogena, detta anche New Growth Theory, che modellizza la tecnologia come il risultato endogeno di una funzione dell'investimento in R&S e formazione  del capitale umano. (Grossman e Helpman 1991) (6) Da qui sono nate politiche per una crescita trainata dall'innovazione, con l'obiettivo di sostenere l'.economia della conoscenza.   Note e riferimenti bibliografici: (1) Pierluigi Ciocca, "L'economia italiana: un problema di crescita", 4ª RIUNIONE SCIENTIFICA ANNUALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI ECONOMISTI, Salerno, 2003, pp. 1-2 (2) Robert Solow, A contribution to the Theory of Economic Growth", Quarterly Journal of Economics", Vol. 70, No. 1. (Feb., 1956), pp. 65-94 (3) & (5) Mariana Mazzucato, "Lo Stato Innovatore" Laterza, 2014, pp. 50-53 (4) Joan Robinson, "The Production Function and the Theory of Capital" Review of Economic studies, 1954 (6) Gene Grossman & Elhanan Helpman, "Innovation and Growth in the Global Economy", MIT press, Cambridge, 1991

Rischio, incertezza e quel vento di “distruzione creatrice”

  Gli imprenditori profondono energie per l’affermazione di innovazioni attraverso le quali offrire soluzioni in grado di rispondere a bisogni insoddisfatti. Gli imprenditori sono dei cacciatori di sfide (H. Byers, 2011).
Sto leggendo "Lo Stato innovatore" di Mariana Mazzucato. Il sottotitolo è Sfatare il mito del pubblico contro il privato, ma non basterebbe un articolo, un altro libro, per descrivere il lavoro di ricerca che l'economista  (tra i maggiori studiosi dell'innovazione secondo New Republic) sta conducendo in questi anni e riassume nel suo ultimo capolavoro. Attraverso un'analisi attenta, smonta e fa crollare i miti, le convenzioni e le convinzioni che predominano i salotti di politica economica e l'economia tradizionale, quella dei modelli astratti, dell'homo oeconomicus razionale e della mano invisibile ... ( ma sappiamo come miti e preconcetti siano ben radicati in tutte le sfaccettature della nostra società). Lo Stato non è il gattino debole e indifeso, né l'impresa privata è il leone... Lo Stato viene visto spesso come il Leviatano di Hobbes, bollato come una forza inerziale, un macigno pesante e ingombrante... ma lo Stato può non solo correggere i fallimenti del mercato, può creare nuovi mercati (nel libro ci sono varie dimostrazioni e casi, non solo negli USA), avere un ruolo chiave e assumersi, insieme al settore privato, i rischi della ricerca e dell'innovazione. Talvolta, e soprattutto per le innovazioni più radicali e rischiose (secondo la Mazzucato), c'è bisogno della longa manus dello Stato. lion & cat Voglio soffermarmi qui, su un paragrafo in particolare, dedicato al rischio d'impresa. Cos'è l'imprenditorialità? Chi è l'imprenditore? - s'interroga la Mazzucato...   Tra i più grandi economisti  del XX secolo c'è sicuramente lui, l'austriaco Joseph Schumpeter, un vero e proprio guru e teorico dell'innovazione. Egli vede l'imprenditore come una persona (o  un gruppo di persone) che ha la volontà e la capacità di trasformare una nuova idea in un'innovazione di successo. Si tratta dunque di creare un prodotto nuovo, un processo nuovo o creare un mercato nuovo per un processo o prodotto già esistenti.
[caption id="" align="alignnone" width="288"] L'imprenditorialità usa il vento della distruzione creatrice![/caption]
L'imprenditorialità usa il vento della distruzione creatrice  per rimpiazzare innovazioni di grado inferiore, creando anche nuovi modelli d'impresa (Schumpeter 1949). Ogni nuova tecnologia produce quella distruzione: il motore a vapore, la ferrovia, l'energia elettrica, l'elettronica, l'automobile, il PC, Internet... Ognuna di esse ha distrutto tanto quanto ha creato, ma ognuna ha favorito anche un miglioramento del benessere complessivo. Per Frank Knight e Peter Drucker l'imprenditore è una persona che si assume dei rischi in nome di un'idea, spendendo tempo e capitali in un'avventura dall'esito incerto. Il rischio d'impresa è anche un rischio altamente incerto.   Anche John Maynard Keynes sottolineò la differenza tra incertezza e rischio:
Incerta è la prospettiva di una guerra in Europa, il prezzo del rame e il tasso d'interesse fra vent'anni, l'obsolescenza di una nuova invenzione (...) Su questi quesiti non esiste una base scientifica a cui affidarsi per elaborare una probabilità calcolabile. Semplicemente non lo sappiamo!
keynes incertezz   Fonti e riferimenti bibiliografici: Byers,T. H. (2011) Technology Ventures - Management dell’imprenditorialità e dell’innovazione, The McGraw-Hill Companies Drucker P. (1970) Technology, Management and Society, Oxford Keynes J. M. (1936) The General Theory of Employment, Interest and Money, New York Knight F. (1921), Risk Uncertainty and Profit, Washington Mazzucato M. (2011), The Entrepreneurial State, Demos, London (ed. italiana Lo Stato Innovatore, Laterza) Schumpeter J. (1949) Economic theory and Entrepreneurial History, Harvard University Press, Cambridge